Perché il caso Cambridge Analytica non ha intaccato i profitti di Facebook

0
36

Non si direbbe affatto che Facebook sia stato al centro di uno scandalo globale, guardando i suoi risultati finanziari o ascoltando i suoi dirigenti.

Mercoledì, Facebook ha riportato ricavi trimestrali di 11,97 miliardi dollari, guadagni per azione di 1,69 dollari, 2,2 miliardi di utenti mensili attivi, e 1,45 miliardi di utenti giornalieri attivi, entrambi in crescita del 13 per cento rispetto allo stesso trimestre dello scorso anno.

Il bilancio copre i mesi da gennaio a marzo, e quindi non riflette completamente le ricadute dei rapporti che Cambridge Analytica ha ottenuto a partire da metà marzo su ben 87 milioni di utenti Facebook inconsapevoli. Questo ha portato al movimento #deletefacebook, un'indagine federale e due audizioni in cui il CEO di Facebook Mark Zuckerberg è stato salutato prima del Congresso.

Facebook ha risposto limitando l'accesso di terzi ai suoi dati, promettendo di assumere migliaia di recensori di contenuti aggiuntivi e offrendo agli utenti controlli più chiari sulla privacy. Oltre alle modifiche al feed di notizie annunciate a gennaio, queste mosse potrebbero frenare la crescita di Facebook in termini di fatturato o profitti. Ma tale impatto non era evidente mercoledì.

"Credo che non facciano nulla che possa costare loro più di un dollaro nel lungo periodo", ha detto il professor Scott Galloway, dell'Università di New York. I cambiamenti che Facebook ha annunciato per riconquistare la fiducia dei consumatori sono stati "una serie di mezze misure - una parte di ritardo, una parte di offuscamento". Non hanno fatto nulla [e] sembra che nessuno se ne preoccupi", ha detto. I consumatori indignati dalle rivelazioni recenti tendono a esprimere tale indignazione su Twitter e Facebook, ha detto.

Alcune nuvole erano visibili all'orizzonte, in particolare una legge europea sulla privacy che entra in vigore il 25 maggio, che impone regole più severe per la raccolta e il trattamento dei dati personali.

Il direttore finanziario di Facebook, David Wehner, ha dichiarato che la società si aspetta che il suo numero di utenti nell'UE sia "da piatto a leggermente basso in sequenza", come risultato dei nuovi modi in cui la società deve chiedere il consenso per tenere traccia degli utenti. Ha inoltre riconosciuto la possibilità che le restrizioni alla raccolta dei dati possano ridurre il successo dell'individuazione mirata degli annunci. Ma quando ha puntato su un potenziale "scenario apocalittico", di utenti in declino che porta a un minor numero di inserzionisti, Wehner si è scrollato di dosso.

Facebook ha anche rifiutato di discutere di quanto tempo gli utenti stanno spendendo sul sito. Tre mesi fa, Zuckerberg ha detto che il tempo trascorso su Facebook è sceso di circa il 5% nel quarto trimestre del 2017, pari a 50 milioni di ore al giorno. I dati di Nielsen sembrano mostrare che la quota di tempo spesa da Facebook per i media digitali è in calo.

Ma mercoledì, Zuckerberg ha detto solo che gli utenti stanno condividendo e interagendo di più, anche se ha riconosciuto che il consumo video passivo è in calo. Egli ha contrastato che con la verticale video della società chiamata Watch, dove gli utenti intenzionalmente possono andare a guardare contenuti specifici o guardare con gli amici, il che implica che ci sarebbe un pubblico più impegnato per gli inserzionisti.

I numeri forti sono stati accompagnati da un commento altrettanto rialzista da parte dei dirigenti di Facebook. Il Chief Operating Officer Sheryl Sandberg ha detto che una manciata di inserzionisti ha interrotto la spesa pubblicitaria sulla scia dello scandalo di Cambridge Analytica, ma stanno già ritornando a investire su Facebook.

Sandberg ha anche detto che i dirigenti non si aspettano alcun impatto da nuovi vincoli di privacy da nessuna parte al di fuori dell'Europa.

Facebook ha detto che gli utenti di tutto il mondo riceveranno gli stessi "controlli" sulla privacy che l'azienda offre in Europa, anche se non necessariamente le stesse protezioni. Sandberg ha detto che i controlli non saranno nello stesso formato al di fuori dell'Europa e saranno "localizzati in diverse parti del mondo", motivo per cui la risposta degli utenti sarà diversa.

Facebook non ha rivolto la sua recente modifica delle condizioni di servizio a utenti al di fuori dell'Europa e del Nord America, il che potrebbe inibire i diritti di tali utenti secondo le norme europee, note come GDPR.

Sandberg ha suonato molto più convincente quando ha sottolineato, ripetutamente, che GDPR colpirà l'intero settore degli annunci, dove Facebook offre ancora un grande ritorno sugli investimenti.

L'aumento dei profitti è in contrasto con un avvertimento di Zuckerberg emesso a novembre, quando ha detto che la redditività di Facebook avrebbe avuto un successo "significativo", perché la società stava spendendo così tanto denaro contro le minacce come le interferenze elettorali, notizie false e contenuti dannosi. "Sono morto serio su questo," ha detto agli investitori.

Facebook è stato in grado di mantenere la sua curva di crescita verso l'alto e verso il giusto perché le recenti politiche sulla privacy e sui dati, pur essendo altamente pubblicizzate, sembravano allontanarsi dalla capacità dell'azienda di fare soldi.

Ad esempio, nel mese di gennaio, Facebook ha modificato il suo algoritmo di news feed per favorire i contenuti da familiari e amici, al fine di rendere più significativo il tempo trascorso su Facebook. Ciò danneggia gli editori, ma potenzialmente potrebbe avvantaggiare gli inserzionisti se gli utenti prestano più attenzione ai contenuti, ha detto Martín Utreras, vice presidente di previsione a eMarketer.

Gli inserzionisti, i clienti paganti di Facebook, non possono permettersi di ignorare la potenza di una piattaforma che permette loro gruppi di micro-target così ristretti come "adolescenti che hanno appena ottenuto la patente di guida", ha detto Galloway. (Anche se in quel particolare scenario, Facebook potrebbe trovarsi in qualche difficoltà).

Un recente rapporto di eMarketer ha rilevato che la tendenza dei giovani utenti ad affollare rivali come Snapchat continua. "Non direi di abbandonare Facebook, ma probabilmente di usarne di meno", dice Utreras.)

Zuckerberg ha debuttato su quello che sembra essere un nuovo punto di discussione per l'azienda. Facebook sta investendo molto per migliorare la sicurezza, "ma allo stesso tempo abbiamo anche la responsabilità di andare avanti," per costruire strumenti per connettere le persone, ha detto, citando tre volte che era "orgoglioso" del lavoro di Facebook.

Quasi il 99% di Facebook nel primo trimestre proveniva dalla pubblicità e i ricavi pubblicitari sono aumentati del 50% rispetto allo stesso trimestre del 2017. Sandberg ha detto che Facebook ha esplorato altri modi per fare soldi, ma è attaccato con gli annunci, dove "Abbiamo un sacco di pista davanti a noi," ha detto, sottolineando che Facebook 6 milioni di inserzionisti potrebbero essere convertiti in Instagram, che ha due milioni di inserzionisti, e che è anche prima di passare a Messenger. Un "click su Messenger" è qualcosa che Facebook potrebbe fare attraverso servizi che hanno più di un miliardo di utenti, ma devono ancora essere monetizzati, ha detto.

Sandberg non ha affrontato il problema di come la condivisione di tali dati tra servizi possa creare problemi con GDPR. Invece ha sottolineato che gli annunci danno a Facebook la possibilità di offrire servizi gratuiti. Ma Facebook potrebbe avere un po' di spazio per le parrucche. Il margine operativo della società per il primo trimestre è stato del 46 percento, con un incremento di 5 punti percentuali rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here