Addio a Sergio Marchionne, muore a 66 anni l'Amministratore Delegato che ha guidato Fiat Chrysler

0
346

Sergio Marchionne, ex amministratore delegato di Fiat Chrysler e architetto della drammatica svolta della casa automobilistica, è scomparso. Aveva 66 anni.

sergio marchionne morto a 66 anni

La sua morte è stata confermata mercoledì da Exor NV, la holding della famiglia Agnelli, fondatrice della Fiat, pochi giorni dopo la sostituzione di Marchionne come CEO. La sua salute si era aggravata improvvisamente a seguito di complicanze da intervento chirurgico alla spalla.

Selezionato come CEO di Fiat SpA nel giugno 2004, Marchionne ha portato il produttore italiano dall'orlo del fallimento alla Borsa di New York, al debutto di Fiat Chrysler Automobiles NV, l'azienda londinese creata quando Fiat ha acquistato la casa automobilistica di Detroit.

Marchionne, che si è definito un corporate fixer, è stato il quinto CEO della Fiat in meno di due anni, quando ha assunto il controllo della società. Sostituisce Giuseppe Morchio, che esce dopo che la famiglia miliardaria Agnelli si rifiuta di dargli il titolo di presidente e amministratore delegato quando l'allora presidente Umberto Agnelli muore di cancro.ì

Indice dei contenuti

Alti e bassi di Fiat

Marchionne ha ricevuto una casa automobilistica che ha perso più di 6 miliardi di euro (7 miliardi di dollari) nel 2003. Nel 2005, aveva restituito l'azienda ad un profitto strizzando circa $2 miliardi da un'alleanza con la General Motors Co., licenziando migliaia di lavoratori, introducendo nuovi modelli e riducendo il tempo necessario per ottenere una nuova auto sul mercato a soli 18 mesi, da quattro anni.

Nel 2009, l'amministrazione del presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha annunciato che Fiat avrebbe preso il controllo di Chrysler LLC, salvando l'azienda americana dal fallimento.

"Non mi importa per che tipo di duro dovesse lavorare, ha salvato la nostra azienda", ha dichiarato Cass Burch, un concessionario Chrysler e Jeep in Georgia. "Merita una statua di bronzo".

L'accordo ha dato a Marchionne "un grande senso di responsabilità", ha detto in un'intervista del 2011. Il suo ufficio al quarto piano della sede della Fiat a Torino era decorato con un manifesto in bianco e nero della parola "concorso" e con una scritta Picasso dal motto: "Ogni atto di creazione è prima di tutto un atto di distruzione".

Durante il suo mandato in Fiat, Marchionne ha più che decuplicato il valore dell'azienda ristrutturando il settore auto e separando gli asset. Tra le maggiori scissioni si segnala l'inserimento nel 2015 del super costruttore Ferrari NV, di cui Marchionne è stato anche Amministratore Delegato e Presidente.

Cavalcare il brivido

Il modo diretto di Marchionne e il suo contegno fruttuoso - raramente lo si vedeva indossare se non jeans e maglione nero - lo hanno fatto risaltare in Italia abbottonato. Sapeva come muoversi velocemente e si divertiva a guidare la sua mezza dozzina di Ferrari. "Quando sei incazzato, non c'è niente di meglio di questo", ha detto, calpestando l'acceleratore della sua Enzo nera sulla pista di prova della società nel 2014 e spingendo la macchina da una comoda guida a 200 km all'ora a qualcosa di più di 320.

Alimentato da una dozzina di espressi al giorno e da pacchetti di sigarette Muratti, ha preso d'assalto la Fiat e licenziato la maggior parte del top management, poi ha fatto lo stesso alla Chrysler nel 2009, installando una dozzina di nuovi arrivati il suo secondo giorno.

Sapeva anche che la velocità può essere pericolosa. Nel 2007, ha distrutto una Ferrari da 350.000 dollari su un'autostrada in Svizzera. "Nel settore automobilistico, a volte ci si blocca," ha detto. Eppure, mentre raccoglieva le critiche dei politici e dei sindacati per aver tagliato i posti di lavoro e tagliato i costi, Marchionne ha sostenuto che muoversi lentamente potrebbe essere ancora più rischioso. Quando ha rilevato sia Fiat che Chrysler, ha sempre sostenuto, le aziende avevano bisogno di un cambiamento radicale per sopravvivere.

Spinta di consolidamento

L'accordo Chrysler faceva parte di una campagna di lunga data che Marchionne aveva intrapreso per stimolare il consolidamento nel settore automobilistico, che ha affermato di avere troppa capacità di sopravvivenza per tutti i giocatori. A tal fine, si è pubblicamente battuto per una fusione con General Motors Co. nel 2015, ma è stato respinto dalla casa automobilistica statunitense.

Marchionne aveva programmato di lasciare la Fiat nel 2019, ma con la sua salute che si deteriora, il 21 luglio è stato sostituito come CEO di Fiat Chrysler da Mike Manley, capo dei marchi Jeep e Ram. Louis C. Camilleri rileva la Ferrari e Suzanne Heywood succede a Marchionne come presidente del costruttore di autocarri e attrezzature agricole CNH Industrial NV.

Marchionne è nata il 17 giugno 1952 a Chieti, paese in cima alla collina vicino al mare Adriatico, nell'Italia centrale. Suo padre era un poliziotto locale, e quando Marchionne aveva 14 anni la famiglia si trasferì a Toronto.

Dottore commercialista e avvocato con doppia cittadinanza canadese e italiana, Marchionne ha iniziato la sua carriera in Canada presso Deloitte & Touche, per poi passare al produttore di imballaggi Lawson Group. Nel 1994, Marchionne è entrata a far parte di Alusuisse Lonza Group Ltd. dopo l'acquisizione di Lawson da parte della società chimica e farmaceutica svizzera.

Tre anni dopo, in qualità di CEO di Alusuisse, ha scorporato il settore della droga per creare Lonza Group AG, dove ha triplicato i profitti in tre anni. In seguito ha consolidato la sua reputazione come specialista di turnaround presso SGS SA, un'azienda ginevrina di test di prodotto all'epoca controllata dalla famiglia Agnelli.

Marchionne e sua moglie, Orlandina, hanno avuto due figli, Alessio e Jonathan. La sua attuale compagna, Manuela Battezzato, lavora nell'ufficio stampa della Fiat Chrysler.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here